Che cos’è un Trullo?

L’obiettivo che ci siamo dati con questo blog è quello di raccontarvi in maniera autentica e vera ciò che la Puglia come terra è in grado di riservare a chi vi ci approda per la prima volta per passarvi un periodo di vacanza.

Raccontare tutto ciò, senza tema di smentita ma senza voler essere presuntuosi e velleitari, equivale chiaramente a raccontare parte del cosiddetto “Made in Italy”.

In questo senso, siamo onesti nel dirlo, la nostra idea e’ riuscire a farvi vivere un esperienza anticipata di soggiorno nella nostra terra al fine di fare in modo che possiate realizzare se il tacco d’Italia e in particolare la Puglia Centro Meridionale possa essere di interesse o meno per eventuali villeggiature o gite fuori porta.

Volendo, quindi, entrare nella pratica delle cose, il nostro compito va a circoscriversi al cercare di descrivere e riportarvi quelle che sono le tradizioni, gli usi e i costumi nonché le pietre miliari dal punto di vista naturalistico, artistico, architettonico e paesagistico in seno alla regione degli Ulivi, delle Orecchiette con le Cime di Rapa…e dei Trulli.

Nell’intraprendere questo viaggio è proprio dai Trulli che voglio partire parlandovene in prima persona.

Viaggiando molto per lavoro in Italia e all’Estero, sovente, una volta presentatomi e dichiarato di arrivare originariamente dalla terra dei Trulli, mi capita di sentirmi porgere la seguente ancestrale domanda:

…Trulli?…Ma che cos’è un Trullo?…

A dirvi la verità, non è mai stato un gioco di ragazzi dare risposta in questo senso. Specialmente quando s’è trattato di spiegare il tutto a persone provenienti da altri contenenti o più semplicemente da nazioni e paesi totalmente ignare riguardo all’esistenza sul globo terrestre di siffatte costruzioni in pietra a secco con tetto a forma conica costituito da un fitto mosaico di “chiancarelle” e terminanti con un pinnacolo suggellato da una palla di pietra sferica.

Ricordo ancora oggi di una conversazione avuta in quel di Londra con una ragazza Tedesca che una volta data la mia spiegazione pensava che la stessi sonoramente canzonando.

Ho quindi realizzato che per casi come questo le parole potrebbero non bastare. Sappiamo, infatti, che le immagini hanno il potere di lasciare immaginare il tutto in maniera immediata e senza troppi voli pindarici didascalici. Tant’è che per evitare di replicare il misunderstanding di cui sopra con voi, a corredo di questo post ho ritenuto saggio inserirvi la foto di un Trullo. In questo caso, il Trullo o complesso di Trulli della Casa Vacanza La Ginestra, casale situato nella Valle D’Itria (Valle dei Trulli ) la cui collocazione geografica è rappresentata dall’area o circondario che ha come angoli le città di Martina Franca, Cisternino, Locorotondo e Ostuni.

E’ proprio in questa zona ( quella della bassa Murgia o del punto di partenza del Salento e a cavallo tra le province di Taranto, Bari e Brindisi ) dove c’è la più alta concentrazione di Trulli.

Anche se tutti sappiamo che la prima associazione che viene fatta o la prima cosa che viene in mente ai più quando si parla di Trulli è la Città di Alberobello la cui caratteristica suggestiva, autentica e non riscontrabile altrove è quella di avere un centro storico costituito per larga parte da Trulli. Al punto di essere stata dichiarata dall’Unesco Città patrimonio dell’umanità.

Nei prossimi post, continueremo il nostro viaggio raccontandovi quella che è la storia legata ai Trulli e del perché queste costruzioni atipiche vennero costruite proprio in quel modo.

A molto presto..

Davide

Casa Vacanza Trulli La Ginestra
Contrada Cicerone, Ostuni (Brindisi)
E-mail: info@trullilaginestra.com
Telefono: 3289251290