[APPROFONDIMENTO] LA SOCIETÀ DEI TRULLI!

Un paio di post fa ho provato a darvi una sorta di definizione molto diretta e concisa, sia pure molto personale, di che cos’è concretamente un Trullo. In quanto nativo trullaro.

Per contrasto e per senso del dovere, mi sono, però, lanciato in questi giorni in una ricerca volta ad analizzare quelli che sono un pò i più vari punti di vista a riguardo. Curioso anche di capire di più su quello che è il significato architettonico e simbolico in questo senso e quindi il perché i Trulli venivano nell’antichità costruiti nel modo che li ha resi unici, particolari e differenti agli occhi del mondo intero e che noi tutti ben conosciamo.

Ho dato una letta approfondita ad uno scritto letterario e scientifico dal titolo “La Cultura del Trullo” di Carla Speciale Giorgi e di Paolo Speciale.

L’ho trovato molto interessante. Vi suggerisco di comprarlo se volete saperne di più di questo mondo molto, molto affascinante.

Per voi ho fatto una selezione di periodi, opinioni e racconti abbastanza recenti, contenuti negli studi presenti nelle pagine della predetta opera, e che secondo me rispecchiano la realtà e in molti casi aiutano a conoscere I Trulli a livello storico e di storie connesse ( da potersi portare con sé) e poter, alla fine della giornata, connettere i punti, come dicono quelli bravi….

..A che cosa serviva e serve il Trullo?

“..In Puglia il Trullo, fin dai tempi preistorici, è servito d’abitazione..La riunione di più trulli, i cosiddetti casali, ha favorito il sorgere delle città..”

Ma perchè queste abitazioni venivano costruite così soprattutto nell’altopiano carsico, nella Murgia dei Trulli?…

..interpretando lo studio “Permanenza dei caratteri tradizionali nella società dei Trulli” ..è venuto fuori che..

…Per effetto di un indagine demografica svolta agli inizi del ‘900 , Marinelli scoprì che… se nel centro del territorio pugliese vi era uno spopolamento della campagna a favore dei centri urbani, andando più a sud, nel territorio che tocca i comuni di Alberobello, Locorotondo e Martina Franca ( la Murgia ) accadeva il contrario in quanto la popolazione tendeva a spargersi in larga parte nell’entro terra e in meno nel centri urbani..per via di vari motivi: [ ..Da “La Cultura del Trullo”..]

? Accentuato frazionamento della proprietà
? Istituzione dell’enfiteusi..
? Contratti di vendita a piccoli lotti con dilazione di pagamento
? Contratti di affitto o di usufrutto per molti anni con l’obbligo di miglioria.

…queste portavano in altre parole alla cura continua del fondo agricolo. E ciò poteva accadere grazie al Trullo, [… “..abitazione rurale, non solo economica e sicura, ma che permetteva la conservazione e la raccolta dell’acqua piovana, fatto oltremodo importante in una regione estremamente arida..E’ stata la concomitanza, congiunta alle ataviche tradizioni della Murgia dei Trulli, nei costumi, negli usi, nelle colture (olivo, vite, mandorlo) e nella economia, a permettere il formarsi di una particolare società contadina, la società dei trulli. ..] [ ..Da “La Cultura del Trullo“..]

…Il Trullo è un metodo di costruzione, non un tipo di costruzione, né, esattamente, qualche cosa che esuli in modo particolare da un sistema di fonte architettoniche…
In Italia i Trulli dominano il contado e hanno creato un paesaggio cittadino unico e spettacolare nell’area tra Locorotondo, Alberobello e Martina Franca, tra Bari e Taranto, alla sommità del tacco della penisola meridionale… … LASZLO GERO, 1960. [ ..Da “La Cultura del Trullo“..]

“…Il Trullo è una forma autoctona di costruzione, nata in Puglia, e precisamente nella Murgia Meridionale, in quanto la sua primordiale tecnica ocstruttiva è indissolubilmente legata al materiale locale di costruzione ( le chiancole ), che esiste nella cosiddetta Murgia dei Trulli, e neppure della Murgia settentrionale…”

..Il Trullo non può essere oggetto di importazione e neppure d’esportazione: il trullo sottratto al suo ambiente naturale e costruito con materiale diverso dal calcare locale della Murgia meridionale, diventa un simulacro dell’originale..

..La tecnica costruttiva del trullo è primordiale e istintiva, perchè non altrimenti i bambini, ignari di qualsiasi tecnica costruttiva, si divertono con le pietre a far delle casette..

…Non possiamo non essere d’accordo sull’origine antichissima del trullo, come tipo di costruzione arcaica, e siamo anche disposti a riportarla all’età della pietra, perché si tratta effettivamente di una costruzione primordiale, determinata dalla natura del materiale locale, che esiste fin dalla creazione del mondo…PIETRO LIPPOLIS, 1961. [ ..Da “La Cultura del Trullo“..]

“….Tre province Bari, Brindisi, Taranto; I luoghi ove il trullo alligna, vegeta e regna da millenni con la imperturbabile longevità dei mondi stellari..

..Osservate la semplicità di questa costruzione a cupola, forma cilindrica e tetto a conico a punta; pietra verticale di chiusura a pinnacolo.

…Il contadino, ignaro di geometria descrittiva e di stereotomia, si confeziona il suo trullo, con un architettura alla brava, forte di insegnamenti di avi e bisavoli…”…1968 – NICOLA PASCAZIO..[ ..Da “La Cultura del Trullo“..]

“…L’Uniformità del paesaggio, digradante in brevi e ritmici ondeggiamenti, veniva, già allora, temperata e vivificata, nei pressi di Fasano, Noci, Alberobello, dai Trulli, le tende dei nomadi della preistoria trasformatesi in case di pietra. I delicati colori delle loro pareti, o il grigio o il bianco candido delle loro cupole, dovevano anche allora contribuire a dare a questo paesaggio una nota del tutto originale…” 1966 – Carl Arnold Wllesmen Dagmar Odenthal, [ ..Da “La Cultura del Trullo“..]

“..E circa il significato è impossibile allora prescindere dal fatto che, proprio in Puglia, esistono ancora numerosi monumenti megalitici, dai dolmens ai menhirs, nonché quelle straordinarie specchie che addirittura si collegano agli ziggurat e alle piramidi a gradoni..”

….. Il modo costruttivo è a tholos che in greco significa cupola, e la cupola, da quando fu inventata in Mesopotomia è sempre stata simbolo del cielo. Non è allora un caso che sui trulli si siano tramandati dei simboli zodiacali;

..I simboli sui Trulli non tanto scacciano il malocchio, quanto trasmettono il valore magico e culturale con cui il trullo dové nascere, come immagine del cielo, e come altare per il culto solare….

E la tecnica a “tholos”, costiuita dagli anelli concentrici e via via aggettanti fino a chiudersi nella chiave di volta, venne allora a rafforzare piuttosto che a dirottare il significato cosmico della primitiva costruzione: significato cosmico che sicuramente ebbe anche la capanna circolare neolitica….” CESARE BRANDI, 1960-1968, [ ..Da “La Cultura del Trullo”..]

“…. Salgo a Martina Franca: la città storica, barocca è intatta, stupenda; i quartieri nuovi i meno offensivi possibile, la gente di una cortesia e di una urbanità di cui il settentrione ha perso la memoria. La campagna nei trulli fino ad Alberobello e di qua a Brindisi è conservata senza essere spenta, senza essere museo….” 1969, Giorgio Bocca, [ ..Da “La Cultura del Trullo”..]

Ancora sul Simbolismo…

“…Sui trulli pugliesi abbiamo individuato quasi duecento segni diversi..Mostreremo che in realtà tutti i segni tradizionalmente dipinti sui trulli sono cristiani..Il segno ricorrente è quello della croce..noto e diffusissimo anche prima del Cristianesimo generalmente come simbolo solare o comunque di una divinità celeste….

…Il più diffuso invece di tutti i simboli tradizionali del sole che ritroviamo sui trulli è il disco, generalmente pieno, circondato da una o due circonferenze di diametro maggiore..E’ egiziana l’origine di questo simbolo solare che costituisce l’antico geroglifico con cui si indicava il dio del Sole Ra, o l’occhio divino…Il cerchio diviso in quattro parti da una croce inscritta è il più diffuso dei simboli cosmici presenti sui trulli…. .” MARIA LETIZIA TROCCOLI VERARDI, 1972 [ ..Da “La Cultura del Trullo”..]

Spero tutto questo mix di considerazioni, studi e racconti e punti di vista possa essere stato utile e in grado di soddisfare la vostra curiosità rispetto al mondo dei Trulli.

Io personalmente sono rimasto molto affascinato dal fatto che fondamentalmente queste costruzioni sono state create dalle persone per riuscire a portare avanti efficacemente le proprie attività di gestione dei fondi terrieri. Quasi fosse una soluzione manageriale strumentale alla sopravvivenza economica dei predetti e di conseguenza anche delle persone del luogo. Addirittura una innovazione di processo. Per cui, lascietemolo dire, molto interessante.

Fatemi sapere la vostra..

A presto..

Davide Scialpi

Casa Vacanza Trulli La Ginestra
Contrada Cicerone, Ostuni (Brindisi)
E-mail:info@trullilaginestra.com
Telefono: 3289251290